Aspettando Manifesta 12

Aspettando Manifesta 12 © Photo by CAVE Studio
Aspettando Manifesta 12 © Photo by CAVE Studio

Aspettando Manifesta 12 è un programma culturale pensato per i palermitani, affinché possano conoscere, impegnarsi attivamente e condividere idee riguardo la biennale d’arte contemporanea che verrà inaugurata a Palermo nel 2018. Aspettando Manifesta 12 si terrà presso il Teatro Garibaldi, appositamente assegnato dal Comune di Palermo a Manifesta 12, e che per l’occasione verrà riaperto al pubblico. Sia prima che durante la biennale, il Teatro Garibaldi sarà il quartier generale di Manifesta 12, oltre che uno dei luoghi chiave della biennale.

Aspettando Manifesta 12 sarà aperta al pubblico dal 13 luglio al 29 ottobre 2017, e potrà essere visitata dal martedì al sabato, dalle ore 10 alle ore 19. Il programma di Aspettando Manifesta 12 prevede diverse attività, tutte pensate come modi diversi di familiarizzare ed interagire con Manifesta:

1. Manifesta Cultural Histories Exhibition

Una mostra pensata come un archivio che dà modo ai palermitani di conoscere fino in fondo la storia di Manifesta attraverso una selezione di fotografie, video, testi e oggetti. Visite guidate gratuite saranno disponibili per tutto il mese di luglio, dal martedì al sabato dalle ore 10 alle ore 7, per gruppi di 6 fino a un massimo di 15 persone (la prenotazione è obbligatoria, e si effettua chiamando al numero +39 335 879 9834 dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 7).

Prenotazioni Visite
Aspettando Manifesta 12 in Teatro Garibaldi © Photo by CAVE Studio
Aspettando Manifesta 12 in Teatro Garibaldi © Photo by CAVE Studio
Aspettando Manifesta 12 © Manifesta 12 / CAVE Studio
2.  Biblioteca temporanea per adulti e bambini

Aspettando prevede anche l’apertura di una biblioteca con pubblicazioni d’arte contemporanea e cultura visiva provenienti dell’archivio Manifesta, o donati da editori e istituzioni culturali italiane. La biblioteca comprende anche una sezione speciale dedicata a libri per bambini.

Aspettando Manifesta 12 © Manifesta 12 / CAVE Studio
Aspettando Manifesta 12 © Manifesta 12 / CAVE Studio
Aspettando Manifesta 12 © Manifesta 12 / CAVE Studio

Inoltre, la biblioteca ospiterà i risultati del progetto “I Racconti di Fatimide”, a cura dell’artista palermitana Gabriella Ciancimino la quale ha coinvolto i bambini della scuola Amari Roncalli Ferrara e di piazza Magione in un laboratorio artistico svoltosi nei giorni precedenti all’inaugurazione. Com’era un tempo piazza Magione? Quale sarà il suo futuro? Queste sono le domande a cui i bambini hanno risposto con una serie di disegni raccolti in un libro fatto a mano che sarà consultabile nella biblioteca del teatro. Inoltre, tali disegni andranno a comporre un’installazione sulle finestre della biblioteca e che sarà fruibile a partire dal 13 luglio 2017.

3. Il Cafè pop-up di Manifesta come incubatore sociale informale

Manifesta sta attualmente lavorando alla costruzione di un pop-up cafè all’interno del Teatro Garibaldi al fine di offrire ai visitatori spuntini e bevande e permettere loro di soffermarsi con più agio nell’area della libreria.

4. Proiezioni di film

Il programma di Aspettando Manifesta 12 prevede anche la proiezione di diversi film, tra cui anche i documentari ArtDocs prodotti in occasione di Manifesta 11 Zurigo. Frutto di una collaborazione tra giovani, studenti, artisti e professionisti di Zurigo, I documentari ArtDocs raccontano i processi di produzione di tutte le opere commissionate da Manifesta 11 nel corso del 2016.

5. Conferenze, laboratori e incontri

Durante l’autunno, Manifesta organizzerà una serie di conferenze e laboratori didattici sulle passate edizioni della biennale, con l’intenzione di invitare gli artisti, i curatori e i creativi che hanno già partecipato a Manifesta, al fine di promuovere la circolazione di idee e la formazione di nuove connessioni tra la realtà internazionale e la comunità locale.

Aspettando Manifesta 12, Teatro Garibaldi © Photo by CAVE Studio

 

Manifesta 12 ringrazia le seguenti istituzioni e case editrici per le loro donazioni alla biblioteca temporanea:
Arte e Critica, CURA., E il Topo, Exibart, Flash Art International, Flash Art Italia, Franco Cosimo Panini Editore, HangarBicocca, Humboldt Books, Le Dictateur, Minibombo, MOUSSE, Museo Centro de Arte Reina Sofia, Museo Egizio, Nero, San Rocco Magazine.