Un sacco di Palermo

Schools in Tandem #Mare, Copyright Manifesta, Photo by Valentina Mandalari

‘Un Sacco di Palermo’ è un kit pedagogico composto da più moduli e pensato per aiutare insegnanti ed educatori a introdurre nei programmi curriculari della scuola primaria e secondaria il delicato tema della speculazione urbana che ha investito Palermo negli ultimi decenni. Essendo stato ispirato da una ricerca redatta da ricercatori dell’Università di Palermo, da attivisti locali e dagli artisti e collaboratori di Manifesta 12, il kit è suddiviso in diverse sezioni, ognuna delle quali si focalizza sulle conseguenze ambientali, urbane e sociali che lo sviluppo non regolamentato della città ha portato.

Attraverso giochi di classe, passeggiate didattiche nel quartiere, ricerca individuale e collaborazioni con istituzioni, il kit vuole incoraggiare gli studenti ad analizzare i diversi aspetti che hanno determinato la trasformazione della loro città. L’obiettivo di queste attività è di riflettere sull’impatto e sulle ripercussioni che gli eventi iniziati nel 1950 -durante quello che è stato definito ‘Il Sacco di Palermo’ – hanno avuto sulla città, influenzandola su svariati fronti.

Il kit sarà distribuito nelle scuole di Palermo e sarà utilizzato dai mediatori di Manifesta 12 durante la Biennale. Un esempio del kit sarà presentato al Teatro Garibaldi durante Manifesta 12 Palermo.

Ciclo vitale del progetto:
Novembre 2017 – gennaio 2018: ricerca
Gennaio – marzo 2018: progettazione delle attività
Marzo – aprile 2018: sessioni di prova del kit in quattro scuole pubbliche
Aprile – maggio 2018: modifiche e produzione del kit
Maggio 2018: presentazione pubblica
Giugno – ottobre 2018: presentazione del kit al Teatro Garibaldi per i visitatori di Manifesta 12
Agosto – settembre 2018: formazione degli insegnanti
Settembre – ottobre 2018: applicazione del kit nelle scuole di Palermo
Da novembre 2018: uso del kit all’Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva

‘Un Sacco di Palermo’ è stato ideato da Valentina Mandalari con il contributo di Daniele Crisci, Davide Leone e degli studenti e insegnanti delle scuole Sferracavallo, Arenella, e Sperone Pertini.

Partner del progetto: Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva

Un ecomuseo è un museo ‘differente’ che mette al centro della sua azione il rapporto con il territorio, la partecipazione delle comunità, il welfare e lo sviluppo locale sostenibile.
Mare Memoria Viva è l’unico ecomuseo urbano in Sicilia e l’unico multimediale e interattivo, uno story-telling digitale che racconta il rapporto tra Palermo e il mare e le trasformazioni urbanistiche e sociali della città. E’ uno spazio di comunità e cultura che ospita una narrazione collettiva di storie e memorie con il filo conduttore del mare e della città; attraverso il legame tra luoghi e persone lavoriamo sul senso di comunità e supportiamo azioni di cittadinanza attiva e sviluppo a base culturale.
L’ecomuseo propone attività di educazione non formale, esplorazioni urbane, workshops, mostre, conferenze e incontri pubblici su temi di interesse collettivo: cittadinanza, arte, scienza, migrazioni, ambiente, placemaking.